Lei. Vivian Maier – Presentazione con Cinzia Ghigliano

La Giornata Internazionale delle Donne è per noi un evento talmente particolare ed importante che lo abbiamo trasformato in una serie di incontri che si svolgeranno durante la settimana.

Per il giorno più importante, quello tradizionale, l’8 marzo, abbiamo invitato Cinzia Ghigliano, autrice ed illustratrice di un bellissimo albo illustrato pubblicato da Orecchio Acerbo Editore, si tratta di “Lei. Vivian Maier”, una graphic novel in cui Cinzia dà voce alla macchina fotografica, una Rolleiflex, di Vivian Maier.

Vivian Maier (1926-2009) è stata una bambinaia per necessità e soprattutto una straordinaria fotografa di strada e di viaggio.
Cinzia Ghigliano lascia che sia la macchina fotografica a raccontare la vita di Vivian, una donna solitaria, apparentemente scostante, ma che mostrava la sua formidabile umanità nel saper cogliere emozioni e tratti di vita attraverso la sua fotografia.

Il talento di Vivian è rimasto sconosciuto fino a dopo la sua morte, quando John Maloof figlio di un rigattiere decise di comprare in blocco per 380 dollari, ad un’asta, il contenuto di un box zeppo degli oggetti più disparati, espropriati per legge ad una donna che aveva smesso di pagare i canoni di affitto. E in quei grandi contenitori, insieme ad abiti, cappelli, oggetti vari, erano contenuti circa 150.000 negativi.

Dunque una donna straordinaria con un indubbio talento che per sopravvivere faceva la bambinaia. E noi ci teniamo a raccontare le storie straordinarie di chi ha avuto nulla o poca luce, fortunatamente nel tempo Vivian è divenuta conosciuta e apprezzata, grazie anche all’opera di Maloof che ha portato a conoscerla stampando i suoi negativi e facendo mostre in giro per il mondo e grazie a libri straordinari come quello di Cinzia Ghigliano che sanno coglierne la bellezza sia con il racconto sia con le parole.

Il libro Lei. Vivian Maier, di Cinzia Ghigliano ha ricevuto nel 2016 il Premio Andersen come Miglior libro fatto ad arte.
Queste le motivazioni “Per l’intensa e raffinata bellezza delle illustrazioni. Per la loro capacità evocativa che da voce al singolare lavoro di questa misconosciuta fotografa. Per l’indubbia originalità di una soluzione narrativa che ci restituisce appieno il talento di una grande illustratrice e disegnatrice di
fumetti.”

Ne parleremo con Cinzia Ghigliano e con Paolo Cesari, editore di Orecchio Acerbo.
Un evento meraviglioso direi 🙂

EVENTO RISERVATO A DUE CLASSI DELL’ISTITUTO COMPRENSIVO ALBANO LAZIALE.