Buongiorno! Da un pò sono un pò silenziosa, ma solo perché il tempo mi sfugge di mano…

Impegnata anche quest’anno nel progetto Albano InSieme.

Qualche mattina fa due classi, una prima ed una seconda della scuola primaria plesso Collodi, sono venute in libreria per il mio progetto di quest’anno per Albano InSieme. Tante le domande, tanti i “perché?”

Una bimba di prima, corporatura piccola, codina, occhi molto svegli: “Perché tu leggi?”, “Perché leggi tanti libri?”, “Perché leggi a noi?”.

Sono domande che ogni volta ti sorprendono, ma quando le fanno è bene rispondere sinceramente.

Leggo perché è una cosa che amo da sempre, leggo perché i libri mi hanno aiutato in alcuni periodi difficili a superare le notti insonni o a trovare pace, leggo perché leggere è divertente, perché impari cose nuove, perché puoi vivere in posti sconosciuti o inesistenti.

Leggo perché leggere è come moltiplicare la propria vita e il proprio sé.

Leggo agli altri, leggo ai bambini e alle bambine delle scuole perché i libri, alcuni libri, possono aprire porte, possono scardinare ostacoli incrostati nelle consuetudini sbagliate, possono stimolare domande e oltrepassare limiti. Leggo perché ci sono limiti antichi da superare, alcuni sono stati avallati anche da storie tramandate a voce e poi scritte e sono quelli su cui dobbiamo porci domande e trovare risposte di buon senso e di coraggio.

#TUedIOleggiamo #Leggereèoltrepassareimuri #leggereSempre #LeggerePerCrescere #voglioesserecoraggiosa